Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni; confermando si accetta che i cookies vengano installati sul suo dispositivo di navigazione

Taragnawa

Disponibile su iTunes - Spotify - Deezer

 Il progetto Tara-gnawa nasce dall'incontro fra due culture musicali del Mediterraneo: quella calabrese dei Phaleg (da cui Tara, cioè tarantella) e quella del Maghreb di Nour Eddine (da cui gnawa, la parte più significativa di quella tradizione).Sia tarantella che gnawa sono musiche legate a danze che fanno parte di riti di possessione con finalità terapeutiche.

I due gruppi che lo compongono hanno una conoscenza reale e approfondita della musica popolare dei rispettivi paesi: Nour Eddine ha realizzato due LP di "dura e pura" musica maghrebina prima di dedicarsi con il suo ultimo lavoro (Coexist) a una fusione di generi diversi. Phaleg si è occupato per anni di ricerca etnomusicologica sul campo e vanta la presenza di Sasà Megna da Papanice di Crotone, uno dei maestri del canto alla chitarra battente in Calabria;
Il termine, a volte utilizzato a sproposito, di "World Music" si adatta perfettamente al progetto, che a partire dalla tradizione dei due paesi ha elaborato un percorso musicale del tutto autonomo, con l’utilizzo di strumenti tradizionali (lira calabrese, organetto, zampogna, oud, darbukka, ecc..) accanto a basso elettrico, chitarre distorte, batteria.
Il risultato è uno spettacolo live di straordinaria potenza e suggestione, una miscela di canzoni in cui la facilità e la gradevolezza d’ascolto si sposa con un notevole dinamismo ritmico e con momenti di aggressività trascinante, in perfetto accordo con lo spirito "dionisiaco" della musica popolare.
Un viaggio attraverso le due sponde del Mediterraneo, rese più vicine dalla nuova realtà multietnica odierna, in cui, specie nel Meridione, le due comunità convivono e si integrano insieme, a partire ognuna dalla propria identità.
Attraverso la musica passa quindi anche un messaggio di pace e di fratellanza, contro il razzismo e l'intolleranza, di cui le dieci persone sul palco, ognuna con i propri costumi e strumenti musicali tradizionali, sono testimoni.

1) Taila

2) Psyché

3) Taragnawa

4) Caru cugino

5) Khali

6) E simu arrivati - Soudani

7) Marriage

8) Mali-Mali

9) Passeggera


Nour Eddine: voce, oud, daruka, ney, sentir, krakeb, tbal

Salvatore Megna: voce, chitarra battente, trumba de' zingari

Danilo Gatto: fisarmonica, organetto, zampogna a chiave, voce

Antonio Critelli: fischietto, pipita, lira calabrese

Oussama El Karichi: chitarra acustica, bozouki, bendir, tbal, haraz, voce

Bruno "Mastru Brunu Blus" Giurato: chitarra elettrica

Filippo Scicchitano: contrabbasso, basso elettrico

Ahmed Benbali: voce, krakeb

Mohamed El-Badoui: tbal, krakeb, voce

Luigi Giordano: batteria


Tutti i brani sono di Nour Eddine Fatty e Niliu tranne #3 (tradizionale)

Registrato da Carlo Frascà nell' Arlesiana Studio (Roccella Ionica)

Mixato e prodotto da Carlo Frascà, Danilo Gatto e Bruno Giurato

Copyright © 2015 Look Studio Srl | P. IVA 01672401005 | All rights reserved. | Privacy Policy
Realizzato da StolziWeb