Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni; confermando si accetta che i cookies vengano installati sul suo dispositivo di navigazione

The great Raï

Non disponibile

 

Cheb Khaled non ha certo bisogno di presentazioni: è – semplicemente – uno dei pionieri dell’etno-world, uno di quegli artisti che hanno saputo fare delle proprie delle tradizioni culturali un linguaggio universale, capace di scavalcare ogni barriera geo-politica e di dar vita ad opere popolari, nel senso più ampio del termine – e cioè, al tempo stesso, legate alle radici ed ascoltate in tutto il mondo da un pubblico vastissimo.

Per comprendere il valore artistico e l’impatto sonoro di The great Raï – anche "a scatola chiusa", prima di un ascolto che si rivela comunque sorprendente – basterebbe far riferimento a quanto, a riguardo, scrive la "mitica" Rough Guide – vera e propria Bibbia della World Music:

"La collaborazione fra il "Re del Raï" e il nomade jazzista algerino Safy Boutella è una rivelazione, per la qualità e la raffinatezza del sound prodotto. Il lavoro offre versioni incisive e scintillanti di "standard" di Khaled come "Baroud" e "Chebba"".

Registrato fra Algeri e Londra con musicisti nordafricani, questo lavoro ci restituisce un Khaled autentico e ispirato, lontano da ogni trattamento occidentalizzante e "manierato" di sonorità che sono il frutto di una creatività genuina e spontanea, ed incline semmai ad attualissime contaminazioni, soprattutto di natura timbrica e ritmica. Proprio in questa chiave va letto il proficuo incontro artistico con Safy Boutella (cofirmatario, tra l’altro, di alcuni brani e degli arrangiamenti), che – intorno al grido urbano del Raï che si fa Parola matura di un popolo intero, intorno alla vocalità di Khaled, potente, suasiva e sempre in primo piano – ha contribuito a costruire griglie melodiche e trame percussive incalzanti e "contagiose", venate qua e là di sfumature jazzy, ma basate soprattutto su un dosaggio intelligente e riuscito di tradizione e innovazione, di originalità ed originarietà, di groove moderni franti e sincopati e di arabeschi armonici che sanno d’eternità, di strumenti acustici e tradizionali da una parte (il bendir, l’oud, il violino, la tromba, il sax), e di tastiere e drum programming dall’altra. Il risultato è un album solare e tutto godibilissimo, in cui, oltre ai già citati "Baroud" e "Chebba", ciascuno degli altri brani – dall’inaugurale "Hana-Hana" a "La Camel", da "Chab Rassi" a "Minuit" – ha la forza trascinante di un hit single.


1 - Hana-Hana (C. Khaled) 5'21"

2 - La Camel (C. Khaled - S. Boutella) 5'31"

3 - Kutché (Trad. - arr. C. Khaled - S. Boutella) 5'57"

4 - El Lela (C. Khaled - S. Boutella) 4'59"

5 - Baroud (Trad. - arr. C. Khaled - S. Boutella) 3'56"

6 - Chebba (C. Khaled - S. Boutella) 5'44"

7 - Chab Rassi (Trad. - arr. C. Khaled - S. Boutella) 5'01"

8 - Minuit (C. Khaled) 5'49"


CHEB KHALED: vocals, accordion, synth, solo, bendir (in "Chab Rassi")

SAFY BOUTELLA: bass, synth, keyboards, drum programming, background vocals, musical project and arrangements

Drums: Boffi Banengola

Guitars: Jean-Jacques Hertz in (1), (2), (4), (5), (6)

Noureddine Boutella in (1), (2), (4), (6), (8)

Acoustic guitar: Raphael Fays in (5)

Oud: Zouhir Gouja in (3)

Synth solo: Cheb Kada in (4)

Alto sax solo: Allan Hoist in (4)

Trumpet: Djaffar Bensetti in (4), (5), (8)

Violins: Dahey Abdelhakim in (1), (3)

Mohamed Seif allah Benabderrezak

Background vocals: Samya in (1)

Amina Ben Mustapha in (2) e (6)

Darbouka, tar: Atem Bidaoui

Editing ("La Camel"): Dee Nasty

Produced by Martin Messonnier and Safy Boutella
Production - Riadh El Feth - Zone Music

Studio Artistic Palace (Algiers) :
Engineer - Herve Lecoz
Second Engineer - Claude Grillis
Assistant - Bruno Charvin "Mozambo"

Additional programming - Philippe Marais
Keyboards programming - Nicolas Neirhard

Studio Paradise (London) :
Engineer - Martyn Phillips
Second Engineer - Danny Hide

Keyboard and CMI programming - Martin Phillips
Additional programming - Paul Rabjohms

Mixed at Studio Artistic Palace by Godwin Logie with Bruno Charvin "Mozambo"

Art Direction & Graphic Design - Laura Ciaraffo (Grafica Internazionale)

Copyright © 2015 Look Studio Srl | P. IVA 01672401005 | All rights reserved. | Privacy Policy
Realizzato da StolziWeb