Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni; confermando si accetta che i cookies vengano installati sul suo dispositivo di navigazione

Gnâwa & Jahjûka Trance

Disponibile solo su iTunes

 

Dopo il commosso omaggio ai sapori, ai profumi, ai colori e alle musiche di Zri–Zrat, il suo villaggio d’origine, Nour-Eddine torna con un nuovo progetto discografico, dedicato al recupero della ricchissima e affascinante tradizione tribale e rituale Gnâwa e Jahjûka, di ascendenza sufi – prima tappa di un più lungo ed articolato viaggio spazio-temporale fra i ritmi del Nordafrica, condotto con una profonda devozione per le radici culturali ed un’inesauribile passione per la didattica musicale come forma di comunicazione fraterna.

La cerimonia Gnâwa – che si svolge nel corso di un’intera nottata – è un rito di possessione con funzioni essenzialmente terapeutiche, comprendente tre fasi: la ‘ada, una processione coloratissima, una parata chiassosa che incita alla danza e alla vibrazione; i kûyû, una serie di danze affidata ai musicisti: non è ancora la trance, ma un gioco preliminare, uno spettacolo, una preparazione all’ultima fase (la più seria), quella dei m’louk, durante la quale su un vassoio vengono portati incenso e veli di colori diversi, che servono da insegne di riconoscimento per i sette diversi simboli m’louk, la cui parossistica alternanza spinge la trance al suo massimo grado.

Quella dei musicisti di Jahjûka – un villaggio ai margini della catena montuosa del Rif – è una tradizione altrettanto antica e profondamente radicata, che ha prodotto nel tempo un repertorio specifico. I maestri musicisti viaggiano per la valle di Srif per animare nozze, feste, veglie in onore di un dignitario in visita, e tante altre occasioni nel corso di tutto l’anno. Ancora oggi, nella città di Ouezzane, si continuano ad acquistare le ghaytât (oboi rudimentali, simili alla nostra ciaramella, tipici strumenti Jahjûka, insieme con il tbel).

Le percussioni sono naturalmente le protagoniste assolute dei 18 pezzi che compongono Gnâwa & Jahjûka trance ( solo nel brano di apertura, "Mama Africa", e nella tradizionale "Allah Hay" compaiono anche parti vocali): Nour-Eddine non solo canta e suona tutti gli strumenti (djembé, harrazh, ta’rija, darbouka, tbel, tam-tam, qrâqeb, daf, bendhir), ma, proprio in ossequio alla sua vocazione per l’insegnamento, regala al pubblico e ai cultori del ritmo un booklet ricchissimo, pieno di notizie e di trascrizioni musicali, nonché 8 tracce didattiche, ciascuna corrispondente ad una specifica figurazione ritmica di base, grazie alle quali è possibile cominciare ad addentrarsi, attraverso l’esercizio, nelle profondità spirituali della trance nordafricana.

1. Mama Africa 4' 28"

2. Sea.sun 3' 43"

3. Gnâwa Trance 4'40"

4. Châbi 3'18"

5. Jungle Rif 5' 08"

6. Jahjùka Trance 3' 40"

7. Fantasia 2'32"

8. Dialogo 3' 04"

9. Lala Menana 3'11"

10. Allah Hay 4'33"

Tracce didattiche:

11. Ritmo Gnâwi 3'52"    12. Ritmo Châbi 2'43"

13. Ritmo Sousi 2'28"     14. Ritmo Tlataf Tlata Sta 3'38"

15. Ritmo Hadari 2'50"    16. Ritmo Charki 2'44"

17. Ritmo Haït 2'16"       18. Ritmo Taktouka 2'43"

 

Nour-Eddine ha composto ed eseguito tutti i brani tranne:

#1 (Nour-Eddine Fatty - Claudio Manturi) - Claudio Manturi: kalimba

#10 (Trad. - Arr. Nour-Eddine Fatty).

Realizzato negli Studi Helikonia - Roma

Tecnico del suono: Seasun Carlotto

Mastering: Fabrizio De Carolis

Foto: Vanessa Ianoni

Progetto grafico e impaginazione: Laura Ciaraffo (Grafica Internazionale).

Copyright © 2015 Look Studio Srl | P. IVA 01672401005 | All rights reserved. | Privacy Policy
Realizzato da StolziWeb