Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni; confermando si accetta che i cookies vengano installati sul suo dispositivo di navigazione

Lavorare stanca

Non disponibile

 

Premio Tenco 1998 quale miglior album in dialetto.

Perché "Lavorare stanca"? Lasciamo che sia Daniele Sepe in persona a raccontarci questo suo primo lavoro con la CNI: "I miei nonni erano contadini. In particolare quello paterno era un semplice bracciante, zappava terra altrui. Fin qui nulla di straordinario, storia comune alla maggior parte degli italiani del sud, posso solo aggiungere che il marchese proprietario vietò a mio padre di frequentare un istituto tecnico perché "un figlio di contadini non deve sapere troppe cose". La storia si fa interessante quando, tre generazioni dopo (svariati anni fa, purtroppo), il sottoscritto si ritrova a firmare un contratto per la produzione di dischi; e chi è il produttore? UN NIPOTE DEL FAMOSO MARCHESE! Dopo tre generazioni, una guerra, l'invenzione della televisione, il miracolo economico e la Fiat 600, continuavamo a tracciare 'solchi per la stessa dinastia'.
E allora per me è naturale non soffermarmi sull'aspetto romantico e virtuosistico del fare musica, m'abbrucia o fronte, e quest'ultimo lavoro è il tentativo (anche un po' divulgativo e didattico, se vogliamo...) di ricordare, a tutti, che siamo ancora lontani da una società in cui sia garantito diventare quel che si vuole essere".
(Insieme al CD un libro inchiesta sul lavoro in Italia oggi con foto tratte dagli archivi dell'ITALSIDER Bagnoli.)

1 Zompa chi può
2 Vinum bonum
3 Black market
4 Lavora et produci
5 Storia della musica popolare
6 Storia dell'Europa contemporanea
7 Kanonen song
8 Ederlezi
9 Lavorare stanca 1.
10 Lavorare con lentezza *
11 Lavorare con lentezza**
12 Tengo na voglia
13 Lavorare stanca 2.
14 Amuri e dinaru
15 Quanno nasciste tu
16 Serenata alla carpinese
17 Tarantella calabrese
18 Angeli e diavoli
19 Bulla fulminante

Registrato e missato nel 1997 agli studi Executive, Flyng Record, il Parco da: Carlo Gentiletti, Gianni Ruggiero, Gianni Gallo, Daniele Sepe.

Mastering: Bob Fix - Editing: Daniele Sepe

Progetto grafico: Studiozeta Napoli

Ivo Furlati suona piatti UFIP, Mariano Barba suona una batteria TAMBURO e piatti UFIP, Daniele suona con strumenti che nessuno gli sponsorizza e quindi non vi diciamo che sò.

Prodotto arrangiato e diretto da Daniele Sepe

Copyright © 2015 Look Studio Srl | P. IVA 01672401005 | All rights reserved. | Privacy Policy
Realizzato da StolziWeb